Perché si mangia sempre?

fame nersosa

Le più importanti e innovative diete dimagranti stilate dai migliori medici e nutrizionisti, da sempre, hanno come obbiettivo, oltre quello di far perdere peso, anche quello di andare a regolare il senso di fame/sazietà delle persone obese e di insegnare a mantenere il controllo quando arriva l’impulso di mangiare, perché esso, il più delle volte, non è dettato dalla vera e propria fame ma da ben altro!!

Si deve mangiare per vivere e non vivere per mangiare.” Così recita un famoso detto, eppure spesso accade l’esatto contrario: si mangia per tutte le motivazioni, tranne che per quelle giuste.

Ma perché si ha l’impulso di mangiare sempre?

La parola che spesso è alla base di tutto ciò  è l’ insoddisfazione! Quante volte apriamo il frigo o la dispensa e siamo nervosi, tristi, annoiati, alla ricerca di un premio dopo una giornata pesante, vedendo nel cibo una valvola di sfogo? Cerchiamo, cosi, una immediata gratificazione che però, è molto volatile: non essendo infatti il cibo ciò di cui abbiamo realmente bisogno, si rimarrà dopo poco, solo con una sensazione di frustrazione, aumentata dal senso di colpa. S’innesca, così, facilmente un ciclo vizioso in cui si continua a mangiare in modo disordinato.

L’ambiente in cui viviamo, purtroppo non ci aiuta in questo senso: abbiamo a disposizione cibo ovunque e in qualunque momento, la rete sociale si basa sulla convivialità con cene e aperitivi, l’emotività può giocare brutti scherzi e lo stress e le preoccupazioni abbondano.

Cosa si può fare? La soluzione è semplice: fermarsi un attimo a pensare e imparare ad ascoltare il proprio corpo.

1) Quando si sente il bisogno di mangiare, soprattutto lontano dai pasti principali, fermarsi e pensare se realmente abbiamo fame o è una voglia dettata dal momento. “Quanta fame ho? Posso aspettare ancora?” sono le domande che dobbiamo porci.

2) Prestate attenzione a ciò che si mangia: quando ci si concede uno snack, concentrarsi su di esso, non compiere altre attività e non mangiare in modo automatico.

3)  Volersi bene e non essere ipercritici verso se stessi. In modo da non innescare meccanismi di compensazione e/o gratificazione.

Imparare a distinguere tra fame reale e nervosa, imparare a non mangiare se il corpo non lo richiede e ascoltarsi di più, sono senza dubbio i rimedi migliori per interrompere qualsiasi tipo di ciclo vizioso di questo genere.

Scarica il mio ebook
Mi chiamo Sarah di Lauro e sono una Biologa Nutrizionista regolarmente iscritta all'Ordine Nazionale dei Biologi

Da anni mi occupo di nutrizione e benessere a 360°

Oltre alle consulenze in studio a Salerno, Roma, Milano, Bologna e a distanza collaboro attivamente con diverse testate giornalistiche come Elle.it e sono intervenuta in trasmissioni radio-televisive come A Conti Fatti, Radio Prima Rete e con diverse interviste su media tradizionali e online.

Ho scritto per te un ebook, totalmente gratuito, con tanti utili suggerimenti e guide su come dimagrire, mangiare correttamente e vivere meglio.

Se ne vuoi una copia scrivi la tua email qui in basso e la riceverai nell'arco di poche ore.

Se invece vuoi maggiori informazioni sulle consulenze clicca qui per contattarmi







Perché si mangia sempre? ultima modifica: 2015-03-12T11:31:07+00:00 da Dietaok.it