L’importanza della vitamina C

arancia

Quante volte in presenza di un raffreddore ci è stato detto di prendere delle spremute di arancia? Quante volte è stata nominata la vitamina C come miracolosa e inestimabile fonte di prevenzione contro i malanni di stagione? Ma perchè ha questo potere così grande e com’è consigliabile consumarla? Vediamolo insieme.

E’ risaputo ormai il ruolo benefico della Vitamina C o acido ascorbico, che deve il suo nome alla capacità di curare lo scorbuto, una malattia che in passato colpiva i marinai che per tempi lunghi non riuscivano ad assumere vegetali freschi.

Vitamina-C-o-Acido-Ascorbico

E’ necessario inoltre, assumere la vitamina C con l’alimentazione, perchè il nostro organismo non è in grado di sintetizzarla e dopo l’assunzione, essa viene accumulata soprattutto a livello del fegato e delle ghiandole surrenali.
Le funzioni positive di questa vitamina sono molteplici e tra i più importanti ci sono:
– Facilitare l’assorbimento di ferro
– Stimolare le difese immunitarie
– Intervenire nella produzione di collagene, che costituisce la struttura di muscoli, ossa, e tessuti o nella sintesi di alcuni importanti ormoni
– Essa ha anche un potente effetto antiossidante e può proteggere la pelle dai danni dei raggi ultravioletti
Le principali fonti in natura sono:

vitamine-c-salute-dieta

in primis peperoncino e peperoni con oltre 200 mg/100 g e dopo cavoletti di Bruxels, rucola, fragole, agrumi, patate.
Appare evidente come le arance NON siano gli alimenti contenenti la maggiore quantità di vitamina C.

In genere è consigliata un’assunzione che varia da un minimo di 45 – 60 milligrammi (più o meno la dose contenuta in un Kiwi di media dimensione) mentre per poter apprezzare i suoi effetti antiossidanti dobbiamo salire ad almeno 200 mg/al giorno (l’equivalente di circa 3 arance).
Viste le sue molteplici qualità, spesso di ricorre anche all’uso di integratori.
Secondo la medicina ufficiale, il limite massimo di assunzione giornaliera, senza alcun rischio di effetti avversi nella maggior parte dei soggetti sani, è di 2000 mg. Nonostante però i suoi benefici , recenti studi hanno dimostrato come un abuso di vitamina C predisponga all’insorgenza di calcoli renali, o altri effetti collaterali che comprendono cefalea, rossore in viso e disordini gastrointestinali.
In definitiva, per una corretta e salutare alimentazione, per poter beneficiare dei suoi indubbi effetti positivi, è necessaria l’assunzione quotidiana di vitamina C mentre l’integrazione è alquanto inutile seppur non pericolosa, a patto che non si esageri e rispettino i dosaggi consigliati.
Scarica il mio ebook
Mi chiamo Sarah di Lauro e sono una Biologa Nutrizionista regolarmente iscritta all'Ordine Nazionale dei Biologi

Da anni mi occupo di nutrizione e benessere a 360°

Oltre alle consulenze in studio a Salerno, Roma, Milano, Bologna e a distanza collaboro attivamente con diverse testate giornalistiche come Elle.it e sono intervenuta in trasmissioni radio-televisive come A Conti Fatti, Radio Prima Rete e con diverse interviste su media tradizionali e online.

Ho scritto per te un ebook, totalmente gratuito, con tanti utili suggerimenti e guide su come dimagrire, mangiare correttamente e vivere meglio.

Se ne vuoi una copia scrivi la tua email qui in basso e la riceverai nell'arco di poche ore.

Se invece vuoi maggiori informazioni sulle consulenze clicca qui per contattarmi







L’importanza della vitamina C ultima modifica: 2015-01-28T21:40:30+00:00 da Dietaok.it